Domanda su Quora Italiano…

È giusto per i genitori curiosare nel cellulare dei propri figli?

Controllo Cellulare Figlio

Il mio pensiero in merito è il seguente:


Personalmente dico si. Non sono un genitore per cui rispondo più a pelle che per esperienza diretta.

Credo che avere l’accesso totale al cellulare, e di conseguenza tenere monitorate le attività svolte sull’apparecchio, di un/a figlio/a sia un diritto del genitore, così come un dovere.

Proteggere i propri figli dai rischi che la rete ha insitamente presenti credo, al giorno d’oggi, sia uno dei doveri fondamentali di un genitore.

Quello che trovo sbagliato non è il controllarli, ma il farlo a loro insaputa, questo si lo trovo deleterio.

Bisogna spiegare al figlio, quando gli si da in mano l’apparato, che sarà monitorato; questo secondo me aiuterà il figlio a capire che comunque una figura di riferimento sarà presente; ed è una cosa necessaria visto l’eta, ormai ridicola, a cui si da un cellulare ad un figlio al giorno d’oggi.

La cronaca, purtroppo, alla fin fine mi da ragione. Il cellulare non deve diventare l’erede del televisore ossia qualcosa con cui tenere impegnato il figlio e non dovergli dare bado.

Va spiegato al giovane per cosa gli viene dato e che sarà controllato in maniera non periodica dai genitori.

La mancanza di periodicità nel controllo ha due scopi:

  1. rendere il giovane più attento non sapendo quando il controllo avverrà;
  2. stimolare il senso di responsabilità perché sa che nel periodo, tra un controllo e l’altro, sarà lui a dover decidere cosa poter fare e cosa no.

Questo discorso lo espanderei anche al controllo del computer in uso dal giovane, altro tema molto dibattuto.

 

Tu come lo leggi un post ?

Tu come lo leggi un post? 

Così mi è stata posta la domanda, e devo dire che non ci avevo mai pensato e mi sono chiesto: “esisterà un modo corretto di leggere un post ?”

Sembra una domanda stupida, ma pensandoci bene non lo è per nulla a mio avviso. Ovviamente il come sarà soggettivo, ma ci saranno sicuramente delle cose in comune a tutti nel modo in cui affrontiamo la lettura di un post quando lo facciamo.

Personalmente divido i post in due grandi categorie:

  1. post di persone a me già note come blogger o scrittori di articoli in generale;
  2. post di persone che ancora non ho mai letto.

A monte ancora la grande scrematura con l’eliminazione di tutti quei post che iniziano con cose tipo:

  • X modi per…
  • Ho fatto X volte questo e cosa è successo non potevo immaginarlo (e simili ovviamente)
  • X giorni per diventare…
  • Fai questa cosa X volte e …
  • Ti insegno come si fa a diventare…

Questi post, fin dove posso, li elimino automaticamente a monte, dove non posso li evito di norma comunque per motivi che non credo serva spiegare: diciamo che in linea di massima evito i post che possano essere dei clickbite senza un reale interesse.

Una volta trovato il post che mi interessa, controllo se, o meno, sia di un autore a me noto. Se si posso ancora filtrare se l’autore in passato ha mostrato post che non mi interessavano. Altrimenti passo alla lettura che faccio in diverse fasi.

Un post di Medium per esempio, lo elaboro in 5 fasi:

    1. Prima lettura: mi occupo più di tutto di capire bene cosa l’autore sta dicendo, perché e se ha, per me, qualche utilità immediata o futura.
    2. Rileggo il testo e verifico eventuali errori tipografici, come le classiche sviste sul verbo essere con l’accento sbagliato e stesso vale per le parole come perché, può e simili. Nel caso le trovo e sono in versione web, al momento della lettura, apro una nota privata e segnalo gli errori all’autore.
    3. Riparto da zero ed evidenzio le parti che per me hanno un senso particolarmente importante. Sono tentato di commentare ogni evidenziazione un po’ vecchio stile mailing list, ma cerco di evitarlo perché mi rendo conto che, per l’autore aprire 10 messaggi diversi per un solo post da un solo lettore, sia un po’ una scocciatura. Per cui cerco di riassumere, di solito, il tutto in una, al massimo due, risposte all’articolo.
    4. Passo successivo, se per me ha un valore come post, attivo la raccomandazione cliccando sul cuore in fianco, o in fondo, al pezzo e condivido sui miei social.
    5. Ultima cosa, non sempre necessaria, se mi serve poter recuperare il post, in un futuro non immediato, lo inserisco nel book mark così da poterlo reperire quando mi servirà; oppure, se sono in mobilità, mi mando il link sul mio account Telegram oppure, sempre tramite la condivisione, mi creo una nota su Evernote.

Come vedete ho la mia routine nel leggere un post. Voi ne avete una che seguite sempre? Oppure andate ad istinto a seconda del post che vi trovate a leggere in quel momento?

Fatemi sapere!!

 

 

 

Parlamento Europeo quasi vuoto per la discussione della redistribuzione dei chiedenti asilo.

Questa mattina si è riunito il Parlamento Europeo per discutere, e trarre le fila, del semestre di presidenza maltese, tant’è che era presente anche il premier maltese Joseph Muscat. Uno punti centrali della discussione, doveva essere, la messa in opera del piano di redistribuzione dei richiedenti asilo, che chiaramente non sta funzionando.

Visto l’importanza della discussione, ci si aspetterebbe che l’aula fosse quasi che piena, ed invece erano presenti solo trenta, e si ripeto trenta, deputati europei oltre al presidente uscente Juncker.

Quest’ultimo, quando gli è stata data facoltà di parlare, ha espresso il suo malcontento molto chiaramente: “Siete ridicoli,” ha esordito Juncker, “Se avessimo avuto qui Angela Merkel o Emmanuel Macron, avremmo avuto l’Aula piena. Il Parlamento non è serio. Non parteciperò più a questo genere di dibattiti“.

Il presidente in carica, l’italiano Tajani,  ha subito censurato Juncker dicendo: “Non le consento di dire che il Parlamento è ridicolo.” Aggiungendo anche: “Non le consento di usare questo linguaggio, è il Parlamento che controlla la Commissione e non il contrario! 

Juncker non ha mollato la posizione rispondendo a voce alta “Siete ridicoli!” ed a quel punto ha rinunciato a proseguire il suo intervento.

Che dire? A memora di europei, di uno scontro così diretto e duro nell’aula di Strasburgo, non si ha riscontro; ma ha poi cosi torto Juncker?

Io credo di no: con una questione così importante da discutere, trovarsi in aula solo 30 deputati , ossia circa il 5% degli aventi posto, sicuramente ha fatto saltare la mosca al naso dell’ex presidente. Come si fa a dargli torto ?

Capisco che Tajani non abbia inteso il perché della così accorata manifestazione di Juncker: qui in Italia che l’aula del Parlamento sia pressoché vuota in casi di discussioni molto importanti è quasi la regola, per cui il povero Antonio si è sbalordito nel sentirsi dare del ridicolo per quella che per lui è una situazione pressoché ordinaria.

Peccato che il Parlamento Europeo dovrebbe essere ben diverso da quello Italiano o Spagnolo o Greco o di un qualunque altro paese europeo. Dovrebbe essere un modello di funzionamento a cui aspirare e non un modello scopiazzato di uno dei peggiori parlamenti europei come quello italiano!!

In un momento come quello attuale, poi, in cui  nazionalismi e populismi premono per lo scioglimento del Parlamento Europeo o quanto meno per l’uscita dei rispettivi paesi da questa istituzione, dare spettacolo in tal modo negativo, sicuramente non è d’aiuto e questo Juncker sicuramente l’ha capito: per questo ha avuto, secondo me, questo scatto di orgoglio Europeo.

Uno scatto che dovremmo emulare? Secondo me si: se si vuole che questo benedetto Parlamento Europeo, alla fin fine, diventi qualcosa di davvero efficiente, funzionante e davvero rappresentativo, non si può accettare che ad una riunione partecipi un ridicolo 5% dei rappresentanti. 

Io, quanto meno, renderei nulla la seduta in caso di assenza del 50% +1 dei rappresentanti.  

Voi che ne pensate?